Cos’è un codice DataMatrix e quali sono i suoi vantaggi?

Tutti conosciamo un codice a barre e tutti più o meno conosciamo o possiamo immaginare a cosa serva.  Quando ci rechiamo alla cassa di un supermercato, notiamo che i nostri prodotti vengono scansionati, ovvero “interpretati” da uno scanner, proprio attraverso le informazioni trasmesse dal loro codice a barre. Questo perché il codice a barre, ovvero quel codice costituito da un insieme di linee chiare e scure che rappresentano lettere, numeri o entrambi e che generalmente è accompagnato da un codice numerico (EAN) , serve a identificare in maniera univoca un qualsiasi prodotto presente sul mercato.
Il problema è che, seppure importante per gli articoli di consumo, il codice a barre potrebbe non essere sufficiente a identificare e soprattutto tracciare nel tempo le evoluzioni e la “storia” di un determinato prodotto più complesso. Ci riferiamo ad esempio ai settori aerospaziale, medicale, automobilistico e della difesa. Settori in cui un sistema di marcatura essenziale come il codice a barre potrebbe non essere sufficiente a veicolare la quantità di informazioni necessarie.
Ecco quindi che in questi casi potrebbe essere utile e necessario che i prodotti, o le singole parti di questi, siano accompagnati da un codice DataMatrix.

Perché la marcatura laser è ideale per il codice DMX

Abbiamo visto quali siano le differenze tra codice a barre e codice DataMatrix e perché l’utilizzo del codice DataMatrix potrebbe costituire un motivo di vantaggio in alcuni settori molto specifici. Quello che non abbiamo visto è il modo in cui il codice DM possa essere marcato sugli oggetti che deve contrassegnare. 

Il sistema migliore per connotare un articolo o un suo componente con il codice DataMatrix è la marcatura laser. Questa consente una marcatura diretta delle parti, nel caso in cui l’oggetto sia costituito da componenti plastiche, metalliche o di altro materiale. In base al materiale e alle necessità specifiche, il sistema inoltre può incidere il codice ad una certa profondità sull’oggetto, così da essere più resistente all’usura oppure in modo più superficiale.  Il software alla base della marcatura laser consente di creare codici con un’estrema versatilità di caratteri ASCII e simboli necessari, che possono essere modificati direttamente dall’interno del software.

La marcatura laser è un processo altamente complesso, che richiede competenze tecniche specifiche e specializzate per essere eseguito nel modo giusto. Ecco perché rivolgersi a specialisti, come i professionisti di Lasit, con competenze specifiche nel settore, può fare la differenza.

Hai bisogno di più informazioni?

Compila il form accanto, lascia il tuo numero e ti richiamiamo SUBITO!

   Data di pubblicazione: 07/03/2018

TORNA SU