Fly Gantry MAG: la marcatrice laser
più grande del mondo è LASIT

PARTE 2

Dalla costruzione alla spedizione

Nell’articolo precedente abbiamo raccontato la storia della nascita di questo progetto bellissimo e vi abbiamo presentato i protagonisti.

Adesso siamo sicuri che siete curiosi di scoprire i dettagli tecnici di questo progetto grandioso.

Ripetiamo innanzitutto le caratteristiche principali di questa marcatrice laser:

Essere informati è fondamentale per scegliere un buon prodotto.

Non perderti gli articoli su tutte le novità della tecnologia laser per il tuo settore industriale, con contenuti di valore e approfondimenti specifici.

Inviando questo modulo accetti la nostra normativa sulla privacy.

3 modalità di lavoro per la Fly Gantry MAG

1

Modalità totalmente automatica

L’operatore deve soltanto caricare i magazzini coi componenti e avviare il ciclo. Il Robot YZ seleziona e preleva il pallet conducendolo nel cabinet di marcatura. Mentre avviene la marcatura del primo pallet, il robot già si muove verso il secondo. Nessun secondo di tempo viene sprecato tra un ciclo e l’altro.
2

Modalità assistita

L’operatore seleziona un pallet vuoto e lo carica coi componenti quando il Robot lo porta nel cabinet di marcatura laser. Durante il ciclo, l’operatore può richiamare un altro pallet e caricarlo.

3

Modalità manuale

Il Robot YZ viene disattivato e l’operatore carica i pallet direttamente dalla porta frontale della marcatrice. Il ciclo è più lungo ma si possono caricare componenti grandi e pesanti non adatti ai pallet.
Come riconosce cosa marcare su quale componente?

Abbiamo detto che la Fly Gantry ha 16 magazzini con 208 pallet, i quali ospitano componenti differenti. Considerato che abbiamo due laser differenti e diversi layout o codici da marcare, come fa la marcatrice a realizzare la marcatura giusta sui giusti componenti?

La chiave è nel sistema di visione laterale installato nella cabina di marcatura e nel codice DataMatrix presente su ogni pallet. Leggendo il codice, il software individua e carica il layout/codice destinato a quei componenti e il laser inizia marcare.

La perla della Fly Gantry MAG: il software personalizzato

Oltre che alla sua struttura, la grandiosità di questo sistema sta nell’abilità del software di gestire interamente la meccanica, rendendo questa marcatrice laser autonoma.

I magazzini indipendenti
I magazzini sono dotati di un sistema CNC integrato e possono lavorare indipendentemente dall’unità di marcatura.
Questo significa che:
Gestione intelligente dei pallet pieni e vuoti

Per evitare il carico di pallet vuoti o lo scarico di pallet non ancora lavorati, i magazzini sono stati dotati di un doppio pallet e il Robot YZ ha un sistema di sensori. Un pallet costituisce la base e il secondo invece il vassoio dove sono caricati i componenti.

Al momento dell’avvio, l’algoritmo è in grado di distinguere tra i pallet che all’interno hanno un vassoio carico di componenti. Come? Attraverso il peso. In tal modo, anche se solo 3 pallet su 122 sono riempiti, avremo la sicurezza che solo quei 3 saranno portati nel cabinet per essere marcati.

Conclusione

In un anno di lavoro abbiamo implementato sia a livello hardware che software le caratteristiche della macchina, per massimizzare le sue prestazioni e creare un prodotto quanto più versatile possibile, secondo le richieste di P..

Alla fine della costruzione di Fly Gantry MAG abbiamo effettuato un mese di test per verificare le sue prestazioni, la capacità di lavorare in automatico e senza interruzioni, la facilità di utilizzo del software e la sua adattabilità.

La marcatrice più grande del mondo ha lasciato la fabbrica LASIT in 3 camion differenti: due per i magazzini e uno per il cabinet centrale.

Ora siamo pronti a realizzarne altre 100!

Ti è piaciuto questo articolo?
Condividilo su

Data di Pubblicazione: 25/11/2020

© Tutti i diritti riservati.